Lab sull’acqua

impronta-ecologica-300x235

COME RIDURRE LA NOSTRA IMPRONTA ECOLOGICA:

Piccoli gesti quotidiani per non sprecare acqua

  • applicate i riduttori di flusso sui rubinetti di doccia e lavabi
  • fate la doccia piuttosto che il bagno
  • lasciate scorrere l’acqua solo per il tempo necessario quando pulite i denti, i piatti, le verdure
  • raccogliendo l’acqua piovana potrete utilizzarla per usi non alimentari o igienici
  • preferite l’acqua del rubinetto a casa e nei locali pubblici

CALCOLA LA TUA IMPRONTA!

SCOPRI L’INIZIATIVA DI LEGAMBIENTE! #giùilrubinetto


Breve guida alla coltivazione delle fave

P1040699

Cos’è

La fava è un legume conosciuto fin dai tempi antichi, dove era coltivata e usata anche come alimento per gli schiavi insieme a farro e fichi, per via delle sue proprietà nutritive.

Ecco una breve guida su come si coltiva la fava nell’orto, si tratta di un ortaggio di semplice coltivazione, adatto anche a orticoltori principianti e a terreni non particolarmente ricchi.

Si può coltivare tanto al sud quanto al nord Italia, al nord meglio piantarle dopo l’inverno mentre al sud si seminano anche in autunno inoltrato e il seme sverna nell’orto.


Come si coltiva

Periodo di semina. Le fave si seminano tra ottobre e marzo, a seconda del clima, la pianta ha portamento eretto e raggiunge un metro di altezza, producendo 5-6 bacelli.

Sesto di impianto. La fava si semina a file distanti 70 cm tra loro, sulla fila il seme si interra ogni 20 cm. Se non emerge in tempo debito i semi rischiano di essere mangiati dagli insetti. I semi si mettono a 4-6 cm di profondità.

Clima e terreno ideale. La fava ama temperature tra i 15 ed i 20 gradi, comunque non sotto i 5 gradi e un ph del terreno compreso tra 5,5 e 6,5.

fave_raccolto


SALVA IL SUOLO- FIRMA LA PETIZIONE PER IL TUO FUTURO E PER QUELLO DEI TUOI FIGLI!

    SOSTIENICI! DIVENTA NOSTRO SOCIO!

Annunci